DIECI DOMANDE A PAOLA ARRIGONI – PuntoSanremo.it

arrigoni_piccola

Ecco l’intervista rilasciata dalla nostra portavoce Paola Arrigoni a PuntoSanremo.it.

A Sanremo i sondaggi vi danno al terzo posto, dopo Biancheri e Berrino. Condividete le previsioni o pensate di fare meglio? 
“Non guardiamo ai sondaggi e non facciamo alcuna previsione, per noi sono importanti il programma, le idee e i progetti. I sondaggi li lasciamo agli altri che devono essere rincuorati e che hanno soldi da buttare. Sono i cittadini che con il loro voto possono fare la differenza. I cittadini, non i sondaggi”. 

Nel caso andaste al ballottaggio sareste disposti a chiedere l’appoggio ad altre coalizioni? 
“Assolutamente no, non facciamo alcuna alleanza nè prima, nè dopo, e non chiederemo l’appoggio di nessuno. Molti li conosciamo fin troppo bene e sappiamo chi sono e cosa rappresentano e quindi non li voteremo mai e non ci alleeremo mai con queste coalizioni”. 

In caso contrario come si comportereste? Voto libero o appoggio a una delle due coalizioni?
“Assolutamente voto libero, è inquietante e anche sinceramente fastidioso per i cittadini, come lo siamo noi, sentire ‘i vari partiti’ consigliare come votare in caso di ballottaggio. Il cittadino deve essere assolutamente libero di fare quello che vuole e soprattutto in un momento così importante come quello del voto. Il cittadino non deve rinunciare a un momento basilare per poter incidere sull’amministrazione seguendo gli ‘ordini di scuderia’. Ognuno deve essere libero e deve esercitare il proprio diritto di voto come meglio crede”. 

Perchè solo 18 consiglieri in lista? Strategia politica o vi mancano i nomi?
“Nessuna delle due. Non capiamo perchè si debba sempre mettere il massimo, per dimostrare cosa? Avevamo messo un termine per le candidature per aver più tempo per dedicarci al programma, chi frequenta il M5S sa perfettamente che non c’è alcuna corsa alle poltrone ma la voglia di lavorare in gruppo. Non siamo come i partiti che devono riempire le liste con chiunque passi, per inserire riciclati vari, trombati, personaggi poco puliti o per saldare promesse elettorali ai portatori di voti. Avere la lista piena cosa dimostra? Invece proviamo a pensare a quanti in quelle liste sono persone integre e che lavoreranno solo per il bene dei cittadini. Per noi non era basilare il numero delle persone ma che fossero incensurate, senza carichi pendenti, non politici di professione, nessun riciclato, essere residenti a Sanremo e che avessero condiviso le battaglie del Meetup con passione, serietà, entusiasmo e gioia. La politica fatta come volontariato a servizio di tutti. Semplicemente. I 18 candidati sono solo i ‘portavoce’ di tutti i cittadini che sono stanchi di questa vecchia politica che ha distrutto questa città”. 

L’obiettivo del Movimento 5 stelle a Roma è di mandare a casa la vecchia guardia. Stesso proposito anche qui a Sanremo?
“Assolutamente sì, per voltare finalmente pagina e come diciamo noi per ritornare ‘a vedere le stelle’, con gioia ed entusiasmo”.

Secondo lei qual è la coalizione, fra quella di Berrino e di Biancheri, con meno facce vecchie? 
“Non importano le facce, ma quello che rappresentano: cioè la vecchia politica. Ora tutti scrivono programmi fantastici ma perchè non li hanno messi in atto quando erano ad amministrare?” 

Cosa ne pensa del ritorno di Bissolotti?
“La stessa cosa che pensano molti cittadini che hanno buona memoria”. 

Quale il suo giudizio sui cinque anni di amministrazione Zoccarato? 
“A differenza dell’altra amministrazione è riuscita a portare a termine il mandato per il resto sinceramente i risultati sono stati veramente scarsi. La nostra città è allo sbando e questo grazie a diverse amministrazioni e non solo all’ultima. Tutti hanno contribuito, nessuno può tirarsi fuori. Nessuno”. 

In caso di sua elezione a sindaco quale sarebbe il suo primo intervento amministrativo? 
“A breve stileremo e renderemo pubblico online quello che faremo nei primi 100 giorni, senza promesse assurde o sogni irrealizzabili”.

Se entrerà in Consiglio come esponente di minoranza la sua sarà un’opposizione senza sconti o valuterà caso per caso? 
“Un’opposizione assolutamente senza sconti, dopo 7 anni di meetup siamo diventati cittadini guerrieri e non ci facciamo incantare da nessuno. E’ evidente che se ci dovessero essere proposte nell’interesse della comunità e di noi cittadini, dopo ampia ed attenta valutazione potremmo anche condividerle. Noi cittadini guerrieri siamo pronti ad entrare in Comune, per amministrare con onestà, serietà, umiltà, competenza, passione ed entusiasmo”.

Lascia una risposta