Interrogazione urgente del MoVimento 5 Stelle in Consiglio Comunale inerente l’ecomostro di Portosole

 

E’ dal 2007 che il M5S Sanremo si occupa dell’Ecomostro di Portosole (definito tale già dal 2009 da un rapporto di Legambiente, relativo all’analisi dello stato delle coste del nostro Paese, classificava la struttura abbandonata a bordo mare nell’area di Portosole come Ecomostro).

Il M5S ha inviato lettere, organizzato proteste e realizzato un video per sensibilizzare la cittadinanza ma soprattutto per costringere le varie amministrazioni ad intervenire con la società CNIS Portosole ed obbligarla a trovare una soluzione idonea. Nonostante numerosi proclami della proprietà per la ripresa lavori, nulla è stato fatto.

Considerato che la struttura ormai dal 2002 è uno scheletro fatiscente che irrompe in modo imbarazzante nel profilo fronte mare della città di Sanremo, un tratto della caratteristica passeggiata a mare Trento-Trieste di Sanremo che è uno dei luoghi più suggestivi della riviera ligure riducendo le aree della zona ad un ambiente di degrado e di abbandono.

Qualsiasi struttura in cemento armato abbandonata per più di un decennio può aver subito un processo di degrado meccanico dovuto all’erosione attraverso gli agenti atmosferici, di degrado chimico a causa della vicinanza all’ambiente marino con forte aggressività  dei sali trasportati dall’atmosfera e non ultimo un processo di corrosione delle armature di acciaio impiegate nella struttura.

Il M5S Sanremo ribadisce che nessun onere debba ricadere sulle spalle dei cittadini per trovare una soluzione al problema che deve rimanere a carico della proprietà CNIS di Portosole, anzi la suddetta proprietà dovrebbe risarcire il Comune e la cittadinanza per il disagio provocato.

Il M5S Sanremo chiede al Sindaco e all’assessore come intendano procedere per risolvere in modo definitivo questa vicenda che da più di un decennio crea un grave danno d’immagine alla città, al suo turismo e alla collettività.

MoVimento 5 Stelle Sanremo