I politici sanremesi (maggioranza e opposizione) che fanno parte della Massoneria lo dichiarino

unnamed

 

Il M5S Sanremo il 24 giugno scorso aveva lanciato un sondaggio online  dal titolo: “Politici Sanremesi e Massoneria” con due  domande, la prima:
“Pensi che appartenere alla massoneria sia incompatibile con incarichi elettivi e di giunta nell’amministrazione comunale?”
Il 77,6 %, di chi aveva partecipato al sondaggio,  aveva risposto di sì.
La seconda domanda del sondaggio era la seguente:
“I politici del Comune di Sanremo dovrebbero dichiarare se fanno parte della massoneria e rendere pubblici i loro nomi?”
L’80,6% aveva risposto affermativamente.
Oggi, sui giornali, si legge che due dipendenti comunali sono stati sospesi per non aver dichiarato di essere affiliati ad una loggia.
Il M5S Sanremo chiede che anche agli amministratori pubblici venga richiesto di comunicare la loro appartenenza a logge massoniche.
A chi viene eletto, nel Comune di Sanremo, in nome della trasparenza viene richiesto di rendere pubblico la situazione patrimoniale, il curriculum e se ha incarichi presso enti pubblici o privati, perché non dovrebbe dichiarare se fa parte della Massoneria?
Nel MoVimento 5 Stelle nei requisiti richiesti per la candidatura c’è anche quello di non essere iscritto ad associazioni massoniche, quindi è evidente che i consiglieri comunali del M5S Sanremo, Arrigoni e Balestra, non fanno parte di nessuna loggia massonica. Gli altri?
La massima trasparenza deve essere richiesta a tutti, soprattutto agli amministratori pubblici.
Chi fa parte della Massoneria lo dichiari
M5S Sanremo

Il Cuore del pianto

Movimento 5 Stelle sanremo - Il Cuore del pianto

La nostra portvove Paola Arrigoni:
Oggi, sono 30 giorni da quando abbiamo iniziato con il Presidio #NoLotto6, in questo mese ho incontrato tantissime persone, tutte mi hanno donato qualcosa a livello emotivo, di conoscenza e sono nate nuove amicizie. Sono sicuramente una persona diversa, forse migliore.
Molte persone hanno condiviso con me, e li ringrazio,  la loro storia di grandissima sofferenza dovuta alla malattia, sono tutti residenti vicino alla discarica.
Iniziavano la loro storia con un forte pudore, timidezza, quasi con vergogna. Tutto comprensibile, non è facile aprirsi con una estranea.
Io non chiedevo niente anche perché non potevo immaginare che dietro ad un giovane, o a una persona solare potessero nascondersi drammi di tale portata.
Prima  mi studiavano e poi mi guardavano sempre negli occhi ….nel profondo ….ti scavavano dentro e solo dopo…. si lasciavano andare.
Non so cosa  cercassero, ma io so cosa ho visto nei loro occhi: PAURA.
Paura, non solo per la malattia, non solo.
Tante volte ho sentito: “ci hanno lasciati soli, finalmente dopo 40 anni qualcuno ha trovato il coraggio.”
Molti ti ringraziano, altri ti stringono forte la mano, altri ti abbracciano, con altri si piange insieme.
Al presidio non ci sono ‘i grillini’ ma c’è una grande comunità, dove si combatte anche per chi non ha più voce, per chi non ha più forza, per chi ha perso la speranza.
Avete visto tutti la testimonianza di Cinzia e proprio per lei, abbiamo appeso un grande cuore al presidio.
Di solito si dice il muro del pianto, il nostro è il cuore del pianto
Lei ci aveva pregato di prendere il foglio che aveva preparato per noi e di metterlo al presidio in modo che potessero vederlo tutti.
L’abbiamo fatto. In questo cuore verranno esposte tutte le testimonianze di persone malate che vorranno condividere con noi la loro sofferenza perché se si è in tanti a portare il dolore, fa meno male.
Il loro dolore diventerà di tutti e sarà da monito per continuare a lottare contro la nuova discarica provinciale.
Presidio #NoLotto6, nel cuore di tutti.
Paola

 

Chiusa la votazione online: ecco i risultati

(cliccare l’immagine per ingrandirla)

Schermata 2015-04-01 alle 22.05.47

 

I miei gettoni di presenza   insieme a quelli  di Pino saranno devoluti alla Mensa dei poveri “Fondazione Myriam” – Sanremo,  per l’acquisto di generi alimentari.

Questa è stata la proposta più votata online, come potrete verificare qui e dalla foto sopra.

La cifra complessiva che verrà consegnata sarà di 1.623,86 euro (sono i gettoni di presenza per consigli comunali e commissioni relativi ai primi otto mesi di tutte e due)

Soldi della collettività che verranno restituiti alla collettività.

Grazie a tutte le persone che hanno votato e che ci hanno aiutato nella scelta.

 11129801_934333089930709_2098310111067446_n

 

11096585_934333239930694_841417508711296921_n

 

Adesso tocca a voi: scegliete come destinare i gettoni di Paola e Pino

Riello_e_Arrigoni_consiglio_comunale_sanremo_agosto_2014-1

VOTA PER DECIDERE COME VERRANNO IMPIEGATI I SOLDI RESTITUITI ALLA COLLETTIVITA’

I ns. portavoce Paola Arrigoni e Giuseppe Riello come promesso in campagna elettorale  restituiscono i loro gettoni di presenza.

Ora la cittadinanza potrà votare come destinare la cifra di

€ 1.623,86 corrispondente alla somma dei due statini di  PAOLA  e  PINO  relativa ai primi 8 mesi di Consigli Comunali e Commissioni.

Potrete scegliere un’opzione tra  quelle proposte e votarla entro il 31 marzo 2015 alle ore 12.00. Il progetto più votato riceverà l’intera somma.

Aiutateci a scegliere.

PER VOTARE CLICCATE Q U I 

 

 

DSC_6699

Il M5S Sanremo risponde alle pesanti insinuazioni del sig. Ghilardi.

Essere a favore dei Rifiuti Zero equivale a: “istigazione alla violenza”.

Ecco la risposta della nostra portavoce Paola Arrigoni alle pesanti insinuazioni mosse nei nostri confronti:

“Sono basita nel leggere le affermazioni fatte dal sig. Massimo Ghilardi amministratore della ditta Idroedil S.r.l. e trascritte negli atti della Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti  e relative alla mia persona e al Movimento 5 Stelle.

Capisco che possa ‘odiarci’ dal momento che come M5S Sanremo abbiamo fatto esposti, striscioni, diversi video, manifestazioni pacifiche, interrogazione parlamentare e ci siamo rivolti anche a Beppe Grillo che ha effettuato un sopralluogo a Collette Ozotto e ha portato il caso a livello nazionale.

Tutto questo per cercare di evitare una nuova discarica provinciale che avrebbe sventrato un’altra collina per farcirla di rifiuti, il famoso lotto 6 e per chiedere finalmente l’attuazione di un ciclo virtuoso dei rifiuti, con il programma Rifiuti Zero.

Noi siamo un movimento pacifico e questo è acclarato, coerenti e quindi siamo per la difesa dell’ambiente, la salvaguardia della salute pubblica ed è ovvio che non potremo MAI essere a favore delle discariche.

Credere fermamente che il rifiuto possa diventare una risorsa, salvare l’ambiente per le generazioni a venire e preservare la salute di tutti significa per il Sig. Ghilardi “istigazione alla violenza”?

Se il sig. Ghilardi ha subito attentati nella sua discarica, continui a rivolgersi agli organi competenti denunciando i fatti, saranno le Forze dell’Ordine e la Magistratura che stanno effettuando un eccellente lavoro a svolgere indagini scrupolose al riguardo. Si affidi a loro con fiducia come facciamo noi del MoVimento 5 Stelle Sanremo.

Noi, in tutti questi anni, abbiamo avuto la costanza, il coraggio, la determinazione di proporre continuamente che venisse attuato un vero ciclo virtuoso dei rifiuti con l’applicazione del programma Rifiuti Zero.

Questo per noi, come movimento 5 Stelle è la normalità, per il Sig. Ghilardi è “istigazione alla violenza”.

Paola Arrigoni
Movimento 5 Stelle Sanremo

foto

 

 

11078009_901215309928750_6691422081729347293_n