Maratona Rousseau CityLab di Genova: si comincia con il Ministro della Giustizia Bonafede e Morra, Presidente Commissione Antimafia. Interverrà anche la nostra Paola Arrigoni

54278825_542479826276611_6228215058992726016_nMaratona di illustri ospiti per due giorni presenti al Rousseau CityLab di Genova: si comincia con il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, Nicola Morra, Presidente della Commissione Antimafia, il Magistrato Nicola Gratteri e il direttore del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio. Per la Regione Liguria, i nostri portavoce Alice Salvatore, Marco De Ferrari, Andrea Melis, Fabio Tosi.

Alla Maratona del Rousseau CityLab ci sarà anche l’intervento della nostra candidata sindaco Paola Arrigoni, il 31 marzo, con diretta in streaming da Genova, su Facebook. Si parlerà di #GIUSTIZIA: L’innovazione al servizio della trasparenza e della lotta alla corruzione. Con lei, Isabella De Benedetti Sindaco, Fausto Icardo, Daniele Di Martino, Massimo Lanfranco, Bruno Paolinelli Devincenz e tanti altri cittadini prestati alla politica.

Ricordiamo che la maratona inizia domani 30 marzo e il programma intero è consultabile su Rousseau, pagina di Facebook.

54727799_544493742741886_1907054698779639808_n

 

 

 

 

 

 

Parte il Microcredito del M5S!

microcredito-5-stelle

Il Movimento 5 Stelle Sanremo è orgoglioso di presentare ai cittadini il “Microcredito 5 Stelle” un fondo per le imprese creato dai tagli agli stipendi di tutti i Parlamentari 5 Stelle che in soli due anni di legislatura hanno versato 10 milioni di euro (di cui 235 mila solo dai tre portavoce liguri Battelli, Mantero e Valente) con cui ora si aiutano a partire nuove imprese e a creare posti di lavoro. Si tratta di un’opportunità concreta per tutti i cittadini che vogliono aprire un’impresa. Non sono richieste ipoteche: i cittadini potranno entrare in banca a testa alta.

Non era mai successo nella nostra regione, non era mai successo in Italia: politici che si tagliano lo stipendio e lo restituiscono alla collettività, per aiutare le piccole imprese, vera ricchezza di questo Paese.

Sfidiamo gli altri parlamentari liguri a dimezzarsi lo stipendio come abbiamo fatto noi. Tra tre mesi vi presenteremo i primi cittadini della storia ad aver aperto un’impresa con i soldi dei parlamentari del Movimento 5 Stelle.

Sono già molte le persone che si chiedono in che cosa consista il “Microcredito 5 Stelle” apparso su alcuni organi di stampa. Quaranta milioni di euro in totale, di cui 10 milioni provenienti dal dimezzamento degli stipendi e dei rimborsi dei parlamentari e senatori 5 Stelle. Di seguito vogliamo fornire le informazioni di base per  tutti coloro che, aziende o giovani professionisti, sono interessati.

  • Il prestito

Il credito arriva fino a 35.000 euro: 25mila, più una possibile integrazione ulteriore di 10mila. Il credito viene erogato a tassi molto bassi, con termine a 7/10 anni. Sarà un fondo di rotazione: verrà alimentato dalle rate che saranno saldate progressivamente dalle imprese, dalle periodiche restituzioni delle eccedenze di stipendi, diarie e rimborsi dei portavoce del Movimento 5 Stelle e dai nuovi stanziamenti che arriveranno dal Ministero dello Sviluppo Economico.

  • Come accedere al Microcredito

Per richiedere il microcredito basterà recarsi presso il consulente del lavoro più vicino http://www.consulentidellavoro.it/index.php/home/annuario. Non servono garanzie reali, nessuna ipoteca sui beni. Alle nuove imprese si richiede di predisporre un “business plan”, cioè un piano imprenditoriale e un’idea sostenibile di impresa. Per tutti gli altri sono sufficienti gli ultimi bilanci.

  • Meno burocrazia con l’aiuto dei consulenti

E’ stato creato il sito internet microcredito5stelle.it per garantire la più completa informazione possibile e per aiutarvi a superare il muro delle procedure burocratiche. Basterà rintracciare sul sito dedicato l’indirizzo dello sportello del consulente del lavoro più vicino: saranno loro a fornire all’aspirante imprenditore tutte le informazioni necessarie per la compilazione della domanda, senza oneri.

  • Chi può fare domanda per il microcredito

– Lavoratori autonomi (commercialisti, avvocati, medici, notai, geometri, agronomi, consulenti del lavoro, psicologi, giornalisti, architetti, ingegneri, dentisti, consulenti aziendali, tributari, informatici, editoriali, web master, ecc.) titolari di partita IVA da meno di cinque anni e con massimo 5 dipendenti;
– Imprese individuali titolari di partita IVA da meno di cinque anni e con massimo 5 dipendenti;
– Società di persone, società a responsabilità limitata semplificata o società cooperative titolari di partita IVA da meno di cinque anni e con massimo 10 dipendenti.

  • Quando fare domanda

Nei primi giorni di aprile il Ministero dell’Economia e delle Finanze lancerà il “Click Day” (l’invio della domanda online) per prenotare le risorse che verranno assegnate alle imprese. Per quel giorno chi fosse interessato dovrà avere tutti i documenti pronti. Per rimanere aggiornati in modo costante basterà iscriversi alla mailing list su microcredito5stelle.it.

 

 

Commissione consiliare: conosciamo il nuovo Assessore

Il 15 luglio si è riunita la “seconda commissione che si occupa di territorio e lavori pubblici” con all’O.d.G: Incontro con ass. urbanistica Luca Emanueli.

Presenti
Di Meco Giuseppe – Presidente
Faraldi Giuseppe (Sanremo al Centro)
Prevosto Francesco (Sanremo Insieme Ecologia e Libertà)
Marenco Alessandro (Il cittadino Sanremo)
Fera Antonio (Forza Italia)
Arrigoni Paola (MoVimento 5 Stelle Sanremo)
Lombardi Luca (Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale)

Assenti
Antonelli Francesca (Sanremo Attiva)
Carlutto Giovanna Laura (PD Partito Democratico)

da aggiungere come presenze ovviamente anche l’ass. urbanistica arch. Luca Emanueli.

Secondo noi è stata una bella idea invitare l’assessore in Commissione in modo da potergli fare delle domande e tentare di capire la sua visione di città.
Abbiamo chiesto al Presidente la possibilità di registrare tutta la commissione, lui ha chiesto a sua volta all’assessore e dal momento che non c’erano impedimenti, ci è stata accordata

CLICCA QUI per la registrazione integrale online.

Ci sono molti spunti interessanti, veramente.

 

P.s. Minoranza e maggioranza si sono ‘attaccati’ nuovamente sulla necessità o meno di mantenere la Commissione Edilizia (vedi anche QUI ), hanno chiesto anche il parere all’architetto e lui ha risposto che è inutile dal momento che sarebbe un doppione,  dal momento che esiste la commissione paesaggistica. Perché l’impressione è che ci sarà bagarre nel prossimo Consiglio Comunale anche su questo punto?

 

Organismi collegiali indispensabili: questi sconosciuti.

Il 14 luglio si è riunita la “quarta commissione che si occupa di: personale ed organizzazioni, affari generali”, con all’O.d.G. “Individuazione organismi collegiali indispensabili ex art. 96 del TUEL di cui al D.LGS 18.8.2000 n. 267 e SS.MM.II.”

Presenti:
Trucco Giorgio – Presidente (PD)
Faraldi Giuseppe – VicePresidente (Sanremo al Centro)
Battistotti Adriano (Sanremo al Centro)
Prevosto Francesco (SI Sanremo Insieme Ecologia e Libertà)
Marenco Alessandro (Il cittadino Sanremo)
Berrino Giovanni (Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale)
Arrigoni Paola (MoVimento 5 Stelle Sanremo)
Balestra Elisa (Forza Italia)

Assenti:
Antonelli Francesca (Sanremo Attiva)

La commissione apre i lavori e ci viene dato il foglio con la delibera dove sono elencati gli organismi collegiali, vi passo l’elenco, questo (cliccare l’immagine per ingrandirla):

IMG_4968

Ora, mi dite come sia possibile esprimere un giudizio su 21 commissioni, in base al foglio che ci è stato presentato? Faccio presente la cosa e in effetti anche gli altri sono concordi, però mi dicono che è la prassi e poi… siamo già in ritardo perché il tutto doveva già essere approvato entro il 30 giugno.
E quindi? La mia astensione nella votazione è proprio perché a me piace comprendere le cose.
Nota di colore: non sapevo che esistesse anche una commissione apposita per la vigilanza ed attuazione del regolamento sui trasporti funebri. Altre commissioni potrebbero essere accorpate ma…. sono l’ultima arrivata e quindi….forse ‘pecco’ di troppo entusiasmo e voglia di fare 😀 e poi ho questo pallino ‘del risparmio’. Mi fanno presente che molte commissioni sono gratuite, va bene, però bisognerebbe verificare se effettivamente ‘servono a qualcosa’.

Altra cosa da sottolineare: tra le 21 commissioni la SOLA dove ‘hanno battagliato’ è stata LA COMMISSIONE EDILIZIA. Come mai?
Ora, la maggioranza vuole assolutamente sopprimerla, mentre Fratelli d’Italia e Forza d’Italia la difendono strenuamente.

Mi piacerebbe capire cosa realmente ci sia dietro a questa ‘battaglia’.

La commissione edilizia serve? I pareri ascoltati in commissione sono molto discordanti, occorrerà informarsi bene. E’ quello che faremo.

Oggi, ci sarà un’altra commissione, a dopo, per il resoconto. 😉

Paola