Mozione guard rail salva motociclisti

guard-rail-moto

Il 24 novembre 2015 il M5S Sanremo aveva protocollato in Comune una mozione ad oggetto:

“Mozione guard rail salva motociclisti. Ottimizzazione dei proventi derivanti da contravvenzioni e destinati alla sicurezza stradale. Acquisto e messa in opera, dispositivo di sicurezza di tipo continuo per ciclisti e motociclisti nei tratti stradali di competenza comunale.”

Finalmente, dopo 28 mesi dalla presentazione,  il 14 marzo 2018 la mozione (con il parere positivo degli uffici  in base alla regolarità tecnica ed amministrativa) passerà in seconda commissione consiliare  per poi approdare per la votazione in Consiglio Comunale.

Nella mozione si chiede:

– di organizzare incontri con i rappresentanti delle principali associazioni e moto club per individuare i tratti di strada più critici sul territorio comunale dove risulta necessaria una protezione e per mettere in sicurezza, fin da subito, anche con soluzioni a basso costo che prevedano l’installazione di attenuatori d’urto sui guard-rail già esistenti

– di dare attuazione alla legge n. 120 del 29 luglio 2010 prevedendo che i decreti attuativi garantiscano una quota parte dei fondi da destinarsi all’adeguamento di guardrail a prova di motocicli almeno nei tratti stradali più a rischio;

– di utilizzare una parte dei proventi delle contravvenzioni che devono essere investiti per la sicurezza stradale, per l’acquisto di questo tipo di “guard-rail” che salvaguardano motociclisti e ciclisti, e successiva installazione nei tratti stradali di competenza comunale.

I guard rail rappresentano un pericolo mortale per chi viaggia su due ruote. Molte lesioni permanenti e molti decessi in seguito a cadute con motocicli sono imputabili alle infrastrutture stradali inadeguate, soprattutto le barriere di sicurezza.  Le statistiche parlano chiaro, in caso di incidente le lesioni mortali alla colonna vertebrale non avvengono con il primo impatto, ma dopo la caduta, quando il motociclista viene sbalzato dalla moto colpendo le strutture di metallo ai lati della strada o infilandosi sotto la barriera. I guard rail  sono progettati per  contenere auto e camion in caso di incidenti ma non proteggono i motociclisti e i ciclisti,  infatti l’impatto purtroppo è causa di morte o mutilazione. L’urto diretto contro la struttura portante della barriera (barriere in acciaio), costituisce la maggior fonte di pericolo per un motociclista durante una caduta. I conducenti di motocicli e ciclomotori sono  soggetti che, in caso di collisione, risultano estremamente  vulnerabili e come tali è dovere delle istituzioni prevedere per essi forme di tutela. Il problema è risolvibile attraverso il posizionamento nell’estremità inferiore del “guard-rail” della barriera ‘salva motociclista’. 

M5S Sanremo

 

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI CONFISCATI O SEQUESTRATI ALLE MAFIE

Il M5S Sanremo con questa mozione chiede di individuare un’apposita disciplina regolamentare ai fini della concessione in uso a terzi dei beni immobili confiscati alle mafie e propone uno schema di regolamento comunale composto da 15 articoli che è stato allegato alla mozione quale parte integrante e sostanziale.
Nel Regolamento proposto dal M5S oltre alle finalità, ai principi, all’elenco speciale dei beni immobili confiscati alle mafie che deve essere pubblicato in apposita sezione del sito istituzionale del comune, agli enti beneficiari, modalità e organo competente per la concessione in uso dei beni ai terzi, ai criteri e procedimenti di assegnazione, nomina commissione di assegnazione per la selezione pubblica del concessionario, obblighi del concessionario,  durata, divieto di sub-concessione, controlli, revoca, e alla normativa transitoria si propone l’art. 4 ad oggetto: “AFFISSIONE DI UNA TARGA E INTITOLAZIONE A VITTIME DI MAFIA DEL BENE CONFISCATO.”
Al fine di garantire la maggior evidenza pubblica sulla provenienza del bene, sullo stesso va affissa una targa di ampia visibilità dall’esterno, quando la posizione del bene lo consente, sulla quale dovrà essere apposta, oltre allo stemma del Comune anche la seguente dicitura: “Bene confiscato alle mafie, ora patrimonio del Comune di Sanremo” 
Le operazioni di affissione dovranno essere ufficializzate con una cerimonia pubblica in presenza dei rappresentanti delle Istituzioni.
Di tale cerimonia verrà data preventiva comunicazione alle scuole al fine di incentivarne la sensibilizzazione.
Con deliberazione di Giunta saranno individuate una o più vittime delle criminalità organizzate di stampo mafioso, i cui nominativi verranno citati con una targa preceduti dall’espressione “in memoria di” e seguiti dalla data di nascita e di morte; con la stessa deliberazione di Giunta potranno essere aggiunte altre frasi alla targa citata in memoria della/e vittima/e cui viene intitolato il bene confiscato.
Sensibilizzare per promuovere la cultura della legalità e della lotta alle mafie, una grande sfida che tutti siamo chiamati a combattere  per creare un vero futuro di libertà.

 

Sanremo la città dove l’artista di strada con l’amplificatore, se vuole suonare, deve essere diplomato al conservatorio

SOLO IL M5S SANREMO CONTRARIO!

Il 13 novembre il M5S Sanremo ha presentato un emendamento (in Consiglio Comunale) al comma 4 dell’art. 5 del regolamento artisti di strada che recita:
“Non è consentito l’uso di alcuna tipologia di impianto di amplificazione, ad eccezione degli strumenti musicali a corda suonati da artisti in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti:
a) diploma di conservatorio o aver superato almeno 3 esami
b) essere iscritto presso la SIAE come autore.”
Il M5S Sanremo afferma: “Non cadiamo nell’errore di confondere la qualità della musica, suonata per strada, con degli esami sostenuti al Conservatorio che peraltro possono essere di molteplice indirizzo e non per forza legati allo strumento suonato.
Ci sono giovani artisti di strada che suonano proprio per iscriversi al Conservatorio e a loro cosa dovremmo dire? “
Il M5S  ricorda che per diventare assessore o consigliere non esistono vincoli ‘relativi allo studio’, eppure il lavoro di amministratori se svolto male può creare grave danno alla collettività, un artista di strada invece deve essere diplomato o aver superato 3 esami – di non si sa bene cosa – per suonare con l’amplificazione per la strada?
Dato che il M5S si muove sempre su un orizzonte di critica costruttiva, prendendo spunto dal regolamento online proposto dalla FNAS (Federazione nazionale arte di strada) aveva presentato emendamento onde evitare che la città di Sanremo venisse derisa da tutta Italia da questo comma che contiene una grave DISCRIMINAZIONE.
L’emendamento del M5S aveva già ottenuto, parere positivo della Polizia Municipale e dagli uffici comunali ma è stato bocciato dal consiglio Comunale, da tutte le forze politiche presenti in Consiglio Comunale.
Il regolamento artisti di strada è stato approvato da TUTTI CON  IL  SOLO VOTO CONTRARIO DEL M5S.
Sanremo, al solito, perde un’occasione per brillare di iniziative moderne e coinvolgenti per tutta la comunità, che possano esaltare il suo nome legato alla musica, per essere ricordata a fronte di scelte impraticabili ed ingarbugliate.
M5S Sanremo

M5S SANREMO: IL CONCORSO TRUCCATO DI RIVIERACQUA IMPONE STRINGENTI CONTROLLI ANTI-CORRUZIONE

m5s sanremo - Arrigoni Balestra baratto amministrativo mozione
Presentata una interrogazione urgente del Movimento Cinque Stelle Sanremo indirizzata al Sindaco Biancheri, in quanto vertice amministrativo del Comune capofila della società consortile: AMAIE infatti detiene il 40,50% del capitale di Rivieracqua.
Nel merito l’interrogazione rivolge pressanti richieste al fine di esercitare il controllo analogo, prerogativa degli enti pubblici soci di Rivieracqua, al fine di rivolgere in forma scritta al CdA della società per azioni richieste di informazioni sull’attività aziendale e in particolare sulla trasparenza dell’attività amministrativa che ha condotto allo svolgimento del presunto concorso truccato (almeno per alcune posizioni lavorative da impiegati amministrativi) che è salito alla ribalta sui giornali e ha coinvolto sei indagati, costringendo alle seppur tardive e insufficienti dimissioni di Gabriele Saldo (già consigliere regionale e assessore provinciale di Forza Italia) dal Consiglio di Amministrazione; Saldo ha però deciso di restare “saldamente” aggrappato al posto di Direttore Generale della società presieduta da Massimo Donzella, che gli garantisce un lauto stipendio da 60-70 mila euro annui.
Secondo il Movimento 5 Stelle Sanremese il Sindaco Biancheri dovrebbe insistere per ottenere maggiore trasparenza da parte di Rivieracqua sull’intera vicenda e in generale sulla gestione delle risorse idriche della provincia. Perplessità anche sul silenzio del Presidente Donzella sul merito della vicenda.
M5S Sanremo

Appprovati Orti Sociali e Parchi Giochi Inclusivi !

blog e fb

Approvati nel Consiglio Comunale del 3 Marzo 2017.
Grandissima gioia! Ieri sera l’O.d.G. sui “Parchi Gioco Inclusivi” e la mozione sugli “Orti Sociali Comunali” sono passati all’unanimità, c’è stata condivisione con tutti e quando succede è costruttivo perché questi progetti sono assolutamente a favore della comunità. 
Grande gioia da condividere con tutti.
In alto i cuori!
 
M5S Sanremo