Mozione guard rail salva motociclisti

guard-rail-moto

Il 24 novembre 2015 il M5S Sanremo aveva protocollato in Comune una mozione ad oggetto:

“Mozione guard rail salva motociclisti. Ottimizzazione dei proventi derivanti da contravvenzioni e destinati alla sicurezza stradale. Acquisto e messa in opera, dispositivo di sicurezza di tipo continuo per ciclisti e motociclisti nei tratti stradali di competenza comunale.”

Finalmente, dopo 28 mesi dalla presentazione,  il 14 marzo 2018 la mozione (con il parere positivo degli uffici  in base alla regolarità tecnica ed amministrativa) passerà in seconda commissione consiliare  per poi approdare per la votazione in Consiglio Comunale.

Nella mozione si chiede:

– di organizzare incontri con i rappresentanti delle principali associazioni e moto club per individuare i tratti di strada più critici sul territorio comunale dove risulta necessaria una protezione e per mettere in sicurezza, fin da subito, anche con soluzioni a basso costo che prevedano l’installazione di attenuatori d’urto sui guard-rail già esistenti

– di dare attuazione alla legge n. 120 del 29 luglio 2010 prevedendo che i decreti attuativi garantiscano una quota parte dei fondi da destinarsi all’adeguamento di guardrail a prova di motocicli almeno nei tratti stradali più a rischio;

– di utilizzare una parte dei proventi delle contravvenzioni che devono essere investiti per la sicurezza stradale, per l’acquisto di questo tipo di “guard-rail” che salvaguardano motociclisti e ciclisti, e successiva installazione nei tratti stradali di competenza comunale.

I guard rail rappresentano un pericolo mortale per chi viaggia su due ruote. Molte lesioni permanenti e molti decessi in seguito a cadute con motocicli sono imputabili alle infrastrutture stradali inadeguate, soprattutto le barriere di sicurezza.  Le statistiche parlano chiaro, in caso di incidente le lesioni mortali alla colonna vertebrale non avvengono con il primo impatto, ma dopo la caduta, quando il motociclista viene sbalzato dalla moto colpendo le strutture di metallo ai lati della strada o infilandosi sotto la barriera. I guard rail  sono progettati per  contenere auto e camion in caso di incidenti ma non proteggono i motociclisti e i ciclisti,  infatti l’impatto purtroppo è causa di morte o mutilazione. L’urto diretto contro la struttura portante della barriera (barriere in acciaio), costituisce la maggior fonte di pericolo per un motociclista durante una caduta. I conducenti di motocicli e ciclomotori sono  soggetti che, in caso di collisione, risultano estremamente  vulnerabili e come tali è dovere delle istituzioni prevedere per essi forme di tutela. Il problema è risolvibile attraverso il posizionamento nell’estremità inferiore del “guard-rail” della barriera ‘salva motociclista’. 

M5S Sanremo